IN QUESTA FASE DI EMERGENZA COVID-19 L’ACCESSO ALL’OSSERVATORIO ASTRONOMICO ELPIDIENSE E’ CONTINGENTATO E PREVEDE:

L’INGRESSO ALL’OSSERVATORIO DI 1 PERSONA O DI 2 CONGIUNTI ALLA VOLTA PER UN MASSIMO DI 10 VISITE SU PRENOTAZIONE.

L’obbligo di indossare la  MASCHERINA e il rispetto delle norme di sicurezza all’uopo predisposte.

Inoltre sarà predisposto un punto osservativo al aperto, SENZA PRENOTAZIONE, anche esso soggetto al rispetto della normativa in essere sul distanziamento sociale.

LA RICHIESTA DELLA PRENOTAZIONE VA INVIATA DAL MERCOLEDÌ PRECEDENTE AL PROGRAMMA DELLE OSSERVAZIONI DEL LUNEDÌ SUCCESSIVO, compilando il seguente Forms: Prenotazione visita all’Osservatorio

INDICANDO NOME E COGNOME DI CHI EFFETUERA’ LA VISITA E DI EVENTUALI CONGIUNTI.

LA PRENOTAZIONE SARA’ CONFERMATA IN TEMPO UTILE.

L’Osservatorio è aperto tutti i lunedì (escluso festivi o con cielo coperto) dalle 22:00 alle 24:00, su prenotazione.
Si sale in specula 1 ospiti o due congiunti (esempio: genitore e bambino ecc…) alla volta e le osservazioni durano 10/15 minuti, fino ad un massimo di 10 ospiti.

Le aperture straordinarie sono sospese fino a data da destinarsi. 

Gli Astrofili dell’Associazione vi guideranno alle osservazioni dei corpi celesti, al riconoscimento delle costellazioni e potranno soddisfare ogni vostra curiosità.

Le visite sono gratuite (lasciare una offerta è gradito)

Direttore Scientifico: Giampaolo Butani 348 8818450

Facebook: OsservatorioAstronomicoElpidiense


Osservatorio Astronomico Elpidiense

"L’osservatorio astronomico di Sant’Elpidio a Mare, a Castellano è l’unico della nuova Provincia di Fermo" afferma soddisfatta il vicesindaco Sibilla Zoppo Martellini. Una riapertura fortemente voluta dall’associazione di quartiere Castellano che si è attivata per creare intorno al centro di osservazione un nuovo contesto. Il Comune elpidiense non si è lasciato sfuggire quest’occasione e ha appoggiato l’iniziativa anche per rivitalizzare la frazione Castellano. “Ci dispiaceva che un patrimonio così importante rimanesse chiuso” sottolinea il vicesindaco. La seconda vita dell’osservatorio nasce anche dalla collaborazione tecnica con l’associazione astrofili Alpha-Gemini di Civitanova che metterà a disposizione le proprie conoscenze scientifiche.
Osservatorio Astronomico Elpidiense
Osservatorio Astronomico Elpidiense3 weeks ago
Cari Astrofili vi informo che l'Associazione Culturale Astrofili ALPHA GEMINI è iscritta nell’elenco delle Associazioni Culturali per la destinazione del due per mille dei redditi 2020.

Destinare il vostro 2x1000 alla nostra Associazione CF: 93070860437 ci permetterà di potenziare e migliorare le nostre attività di divulgazione della cultura Astronomica (la destinazione del 2x1000 alle associazioni culturali non è sostitutivo ad altre destinazioni esempio 8x1000, 5x1000 o 2x1000 ai partiti).

Conto sulla vostra disponibilità, grazie e cieli sereni
Osservatorio Astronomico Elpidiense
Osservatorio Astronomico Elpidiense1 month ago
L'ammasso del Presepe ripreso dal nostro astrofilo Mattia Ciccola.

L'ammasso del Presepe (noto anche con la sigla Messier 44) è un ammasso aperto molto luminoso visibile nella costellazione del Cancro e sotto un cielo scuro appare come un piccolo batuffolo proprio al centro di tale costellazione; le sue stelle principali sono facilmente individuabili anche da un cielo cittadino con un banale binocolo.

Con una distanza di circa 593 anni luce, è uno degli ammassi più vicini al nostro Sistema Solare, nonché sicuramente uno dei più amati da astronomi ed astrofotografi.
Osservatorio Astronomico Elpidiense
Osservatorio Astronomico Elpidiense2 months ago
L’Astrofilo Lorenzo Squarcia nostro socio, martedì 30 marzo 2021 ha ripreso ed analizzato lo spettro della NOVA IN CASSIOPEA (Marzo 2021).

Una nova è un evento astronomico che comporta un incremento notevole di luminosità da parte di una stella che altrimenti sarebbe debolissima o invisibile. Questo avviene, nelle novae di tipo classico, quando in un sistema binario una nana bianca risucchia materiale alla sua compagna per gravità, aumentando inesorabilmente la propria massa. Il conseguente incremento di pressione può essere tale da innescare una gigantesca esplosione da fusione nucleare negli strati più esterni, liberando materia ed energia sotto forma di un lampo di luce dalla durata variabile (da giorni ad anni, in base al tipo di nova) e dallo spettro caratteristico.

In particolare, essendo la materia stellare in prevalenza costituita da elementi leggeri come Idrogeno ed Elio, saranno proprio questi a fornire le caratteristiche bande di emissione (e non di assorbimento come accade per la maggior parte delle stelle “classiche”) che osserviamo nello spettro mostrato in figura. Si notano infatti chiaramente le righe corrispondenti alla serie di Balmer dell'Idrogeno ionizzato, che ne costituisce la sua impronta caratteristica. E' anche presente una piccola banda relativa all'Elio ionizzato che sembra si stia attenuando giorno dopo giorno, in base al confronto con spettri trovati in rete registrati subito dopo l'esplosione (scoperta il 18 Marzo).

Lo spettro è stato registrato la sera del 30/03/2021 integrando 18 scatti da 25-35” con gain tra 100 e 250, e successivamente calibrato e corretto con Rspec. Purtroppo l'oggetto molto basso sull'orizzonte e l'onnipresente inquinamento luminoso non hanno permesso di ottenere uno spettro di qualità. La seconda banda in prossimità dell'h-beta è probabilmente dovuta alla presenza di una piccola stella sovrapposta allo spettro.

Strumenti:

Skywatcher evostar 72ed
Montatura Heq-5 Synscan
Camera ZWO ASI 224mc
Reticolo Star Analyzer 100
Software DeepSkyStacker, Rspec

Autore: Lorenzo Squarcia
Osservatorio Astronomico Elpidiense
Osservatorio Astronomico Elpidiense2 months ago
La Nebulosa Girino (IC 410) ripresa dal nostro astrofilo Mattia Ciccola

Situata nella costellazione dell'Auriga, la Nebulosa Girino è una nebulosa a emissione che deve il suo nome ai suoi due filamenti gassosi che hanno le sembianze proprio di due girini nella vasta zona di idrogeno ionizzato che possiamo osservare nelle diverse strutture rossastre.

Recenti studi hanno determinato che questo complesso nebulare dista circa 19.640 anni luce dalla terra.
Osservatorio Astronomico Elpidiense
Osservatorio Astronomico Elpidiense2 months ago
Bellissima foto della Nebulosa di Orione (M42) realizzata da uno dei nostri migliori Astrofili Astroimaging 💫

DATI DI SCATTO
19x300" light con filtro Optolong L-Extreme calibrati con 21 Dark, 31 Flat e 31 DarkFlat
SkyWatcher Newton 130/650 PDS
SkyWatcher EQ6 PRO mod. Rowan
ZWO ASI294MC PRO raffreddata a -10°
Filtro Optolong L-Extreme
Correttore di coma Baader MPCC Mark III
Telescopio guida TS SharpGuide 60
Camera guida ZWO ASI185MC

Elaborazione con PixInsight e Camera Raw.
Osservatorio Astronomico Elpidiense
Osservatorio Astronomico Elpidiense3 months ago
Questa giornata di bel tempo ci ha regalato due momenti di ripresa della nostra attività.

In mattinata alcuni Astrofili dell’Associazione: Butani, Ciccola, Tartufoli e Properzi hanno ripreso una tenue attività Solare. Lo stesso quartetto la sera si è cimentato nella ripresa di Urano e i suoi satelliti.

I risultati non sono mancati ... 👍