News

 

ALPHA GEMINI
ALPHA GEMINI ha condiviso la foto di Appassionati Italiani di Astronomia.
Cometa “46P/Wirtanen”
A dicembre visibile a occhio nudo con una chioma 2 volte la Luna
Redazione ANSA ROMA 05 novembre 2018

Prima immagine scattata dall'Italia della cometa di Natale 46P/Wirtanen, che passerà a soli 11,5 milioni di chilometri dalla Terra. A realizzarla l'Unione Astrofili Italiani (Uai) con un telescopio robotico in Australia nell'ambito della mappatura mensile. In mostra solo nell'emisfero Sud, la cometa promette di diventare così brillante da essere visibile a occhio nudo. L'immagine è stata scattata il 31 ottobre.
"Per osservarla - ha spiegato all'ANSA l'autore dello scatto Rolando Ligustri, dell'Uai - ho dovuto usare un telescopio dell'emisfero australe, perché la cometa è quasi invisibile al momento per essere fotografata dall'emisfero Nord. Si trova, infatti, molto bassa sull'orizzonte, nella costellazione della Fornace", ha aggiunto.
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
ALPHA GEMINI
ALPHA GEMINI
Una recente foto della cometa 21P Giacobini-Zinner in transito vicino all’ammasso aperto M37 nella costellazione dell’Auriga, realizzata dal nostro Astrofilo Mattia Ciccola nella notte tra il 10 e l’11 settembre.

La foto è la somma di 30 pose da 45 secondi a 800 ISO. Canon EOS 650D su SkyWatcher 130/650 PDS è SkyWatcher EQ6 PRO. Elaborazione con PixInsight e Photoshop.

La cometa 21P Giacobini-Zinner e l’ammasso aperto M37 nella costellazione dell’Auriga fotografati dal nostro astrofilo Mattia Ciccola.

In questi giorni, la cometa si trova alla minima distanza dalla Terra e dal Sole, nella costellazione dell’Auriga. La cometa è stata scoperta nel 1900 dall’astronomo Michel Giacobini e di nuovo osservata nel 1913 da Ernst Zinner.
Si tratta di una cometa gioviana, durante la sua rivoluzione attorno al Sole, infatti, non si allontana mai molto al di fuori dell'orbita di Giove. E ogni sei anni e mezzo torna, arrivando al perielio (la minima distanza dal Sole) a una distanza di circa 150 milioni di chilometri.

M37 (noto anche come NGC 2099) è un ammasso aperto visibile nella costellazione dell'Auriga. M37 è il più luminoso degli ammassi dell'Auriga, nonché particolarmente ricco di componenti, per essere un ammasso aperto; conta almeno 170 stelle fino alla tredicesima magnitudine, mentre fino alla quindicesima grandezza queste diventano oltre mezzo migliaio.
ALPHA GEMINI
ALPHA GEMINI
Una delle ultime foto realizzata a Montelago in agosto.
La Nebulosa Manubrio è una celebre e brillante nebulosa planetaria visibile nella costellazione della Volpetta. La nebulosa dista circa 1360 anni luce dalla Terra, è di magnitudine apparente 7,4 e ha un'età stimata di 9800 anni; la sua forma ricorda quella di uno sferoide prolato ed è vista lungo la linea prospettica del piano equatoriale.
La foto è stata ripresa con un CCD HQY8L al fuoco di un GSO 10”, somma di 10 pose da 5’ più 5 dark, elaborazione con AstroArt6 senza nessun ritocco.
ALPHA GEMINI
ALPHA GEMINI
Come promesso ... un’avvincente attimo che immortala tre stelle cadenti, nella notte del 12 agosto, storica “Passeggiata sotto le Stelle”, lungo la pista ciclabile di Civitanova Alta ...
Foto realizzata dal nostro Astrofilo Andrea Marinelli
ALPHA GEMINI
ALPHA GEMINI ha aggiunto 7 nuove foto.
Grande partecipazione alla serata storica “Passeggiando sotto le Stelle” lungo la pista ciclabile di Civitanova Alta dal punto ristoro Cinciallegra. Dalle proiezioni di Saturno e Marte alle osservazioni più dettagliate con i telescopi, in una suggestiva passeggiata alla scoperta del cielo estivo; e per i più tenaci dopo la mezzanotte anche lo sciame meteorico ha dato il meglio di se ... prossimamente su queste pagine le foto, del nostro Astrofilo Andrea Marinelli che con il suo estro è riuscito ad immortalare lo sciame delle perseidi in una atomosfera accattivante ... ✨💫💫✨
ALPHA GEMINI
ALPHA GEMINI ha aggiunto 10 nuove foto.
Serata alla Riserva Sentina di San Benedetto sabato 11 agosto ... tra musica e osservazione della volta celeste ... in un paesaggio di acqua e sabbia costituito da ambienti unici come cordoni sabbiosi, zone umide retrodunali, e praterie salmastre che ospitano una ricca e peculiare flora ormai scomparsa in quasi tutto il litorale adriatico 💫🔭